lunedì 6 maggio 2013

Addio Agnese, ma noi restiamo

Agnese Borsellino, moglie del Giudice ucciso nel 92, ha lasciatop questo mondo. 
Una notizia che ci fa ripiombare nella tristezza di allora, tanto più che ancor oggi chi sa tace nonostante il peso e il prestigio del ruolo che ricopre.
Agnese muore senza la soddisfazione di sapere! A lei va il nostro deferente pensiero per il profondo dolore che ha patito non solo per la uccisione del proprio amato marito ma per lo strazio di non riuscire a conoscere la verità e i veri responsbaili di quel martirio, e anzi scoprire che dietro quella morte si celano segreti incoffessabili che depongono per un coinvolgimento di alte cariche politiche e istituzionali di allora.
Come sottolineammo anche in questo blog riportando le parole che il Giudice Scarpinato pronunziò coraggiosamente all'ultima manifestazione di ricordo dell'eccidio il 19 luglio scorso.
Chi sa se questo Paese e i nostri figli potrano mai sapere la verità per la quale si è battuta Agnese  e si nìbatteranno ancora Salvatore e Rita Borsollino, se riusciranno mai a far luce su un periodo oscuro di trame e di coperture complici di questo stato e di quella classe politica.     
Un'occasione importante per ripometterci di trasmettere ai nostri figli una tensione morale per la legalità che li porti a far propri i valori civili ed etici di questi grandi testimoni che giorno dopo giorno ci lasciano portando con sé una parte della memopria storica.

2 commenti:

  1. Oggi è morto anche Giulio Andreotti...chissà se puòaiutare a ricostruire l'uccisione di Paolo.Chissà se in cielo, almeno, non c'è omertà!

    RispondiElimina
  2. Due vite così diverse per sensibilità e per etica civile che l'accostamento, anche solo celebrativo, delle loro scomparse sembra ardito e fuori posto. Però ci impone di scegliere e schierarci: io so da quale parte stare, dalla parte della verità, della legalità, della lealtà civica e se avessi dovuto partecipare ad una commemorazione ufficiale non avrei esitato ad uscire come ha ben fatto Ambrosoli a MIlano

    RispondiElimina