martedì 11 giugno 2013

I figli sono stati promossi ?

I figli sono stati promossi ? E' vero, questo non è un buon motivo per pretendere un regalo perchè è bene precisare che è una affermazione che va tutta a loro vantaggio, nell'immediato, guadagnandosi il tempo della vacanza, nel futuro permettendogli di costruirne uno migliore per sse stessi.

Ma se proprio i genitori volessere festeggiare il positivo risultato di una bella affermazione scolastica con un dono allora lo pensino loro, osservando i figli per capire come assecondare i loro hobbies, le loro propensioni, i loro desideri: non si riducano a chiedere ai figli "cosa vuoi per la promozione", come se loro vivessero in un altro pianeta e non avessero gli strumenti giusti per poter capire da soli come fargli piacere. Creatività e attenzioni possono produrre una bella sorpresa, che assume un valore intrinseco in sè, perché inaspettata ma soprattutto frutto di una ricerca autonoma centrata su di loro, di un tempo dedicato a pensarli per cercare di assecondarli: il che si traduce ai loro occhi come una bella testimonianza di amore. Anche piccole cose possono essere testinonanza di grandi attenzioni.

Se poi posso permettermi un altro piccolo suggerimento, scegliete di regalare strumenti creativi, artistici, che sviluppino doti, talenti e ne facciano scoprire di nuovi: uno stumento musicale, una fotocamera, una video camera, un cavalletto o altro materiale per disegnare, una costruzione o un gioco per costruire, un gioco di società per ritrovarsi con gli amici, una racchetta da tennis o un paio di scarpette e così via.... qualcosa che li inviti a produrre, a proporre qualcosa di proprio, anche a stare insieme agli altri lontano dai soliti telefonini, che li sproni a osare, a cercare strade nuove e nuovi sport, nuove idee, nuovi scenari... i nostri figli hanno bisogno di ritrovare questa dimensione: sociale, creativa, propositiva
per capire quanto valgono e quanto possono dare di sé sulla scena del mondo che comnciano a calpestare...

Nessun commento:

Posta un commento