martedì 21 ottobre 2014

La felicità dei nostri figli è nelle nostre mani

Sii felice, vorremmo augurare ai nostri figli appena nascono. Eppure non riflettiamo che protagonisti di quell'augurio siamo proprio noi genitori, sin da subito e per molti anni, prima di cedere a loro il "testimone" della loro esistenza. E' allora che qualche adolescente più riflessivo si spinge oltre e chiede a sé e a qualcun altro in classe se le persone non felici abbiano  genitori poco affettivi: io rispondo che sì, probabilmente non hanno avuto, in tempo utile, la percezione di essere importanti....sentendosi amati e considerati. Questa può essere una mancanza significativa per un figlio !





Allora proviamo a correggere il tiro destinando attenzioni e disponibilitá ai nostri figli, non regalandogli cose, ma dedicandogli tempo e azioni efficaci per farli sentire:
  • amati, cioè accettati così come sono, con un amore gratuito, che non chiede nulla in cambio.
  • ascoltati nelle loro necessitá più profonde, non solo acoontentati nelle necessità quotidiane 
  • importanti e non barattabili con altri, con cose o situazioni
  • responsabilizzati nelle attività di loro competenza, senza fargli sconti nè fare al posto loro
  • affidabili affidando loro risorse, compiti, libertà di cui chiedere conto.
Diamoci da fare con gradualitå ci riusciremo, ma  cominciamo da subito, non c'é tempo da perdere !